L’Amaro Succi.

Ancora lui. Giovanni Succi il digiunatore di fine Ottocento, l’artista della fame che ispirò un racconto a Kafka, qui di seguito ritratto bello pasciuto, nella casa in cui fu murato, con la sua bottiglia di amaro: un intruglio miracoloso brevettato (…solo parzialmente a base di oppio). Ne conservo alcune bottiglie e qui viene il messaggio (criptico, certo): a primavera ne offro un assaggio. Un viaggio pazzesco, promesso.

Metti mi piace (facebook.com/giovannisucci/) o segui l’uccello (@GiovanniSucci) o sii più moderno (instagram.com/solosucci/) e resta connesso.

Una questione privata.

Padre mio, che per bizzarria ti chiamasti Pio, tu refrattario com’eri a pile, santi e bigotti: ma l’Amaro, te lo ricordi? Quanto mi hai rotto i coglioni da vivo. Il tuo invito insistente, la svolta brillante ai frangenti più duri, ad ogni stagione, la soluzione delle soluzioni: “…a  fuma l’Amaro!” (…facciamo l’Amaro, nel tuo piemontese astigiano, come quel nostro pseudo antenato famoso, quel tale di Cesenatico, di cui all’anagrafe – per puro caso – mi rendesti omonimo, come anche mio nonno).

L’Amaro. Sì. Rifarlo da zero, sicuro, con non so quali alambicchi che manco avevamo; ma la ricetta c’è , eccome. (Dove?). Sta scritta sul retro di un quadro, solo ch’è andato perduto. Che ci vuole: fabbrichetta in giardino. Il nonno faceva anche i sifoni del seltz per l’Amaro. Rifacciamo l’Amaro da capo. E lo chiamiamo Succi.

Ciminiera fumante il giorno e la notte sul magazzino a coda di drago, e dal portone sul retro ne escono casse d’Amaro, già etichettato, pronto da bere o spedire a New York. Poi tornavi a dipingere, e fino al prossimo periodo critico ciao, chi s’è visto s’è visto.

Padre mio, ti ho sempre preso per  pazzo…
Metter su l’impossibile era l’unica cosa da fare.

P.S. Giusto a margine.

Prossimamente sarò all’Aia ed Amsterdam, per letture dantesche, insieme alla danzatrice di Euritmia Gia Van den Akker, frutto dell’apprezzamento delle precedente esperienza analoga in Germania, per cui si replica in Olanda. Ma questo giusto a margine.

Ancora le Rime Petrose, un progetto sperimentale di un Alighieri Dante trentenne: capite bene che, malgrado la fama dell’autore, in Italia fatichi non poco a prendere piede. Ma questo giusto a margine.

Essendo io musico, poi, è dura prender sul serio la cosa, capisco – mea culpa: i titoli accademici non li sbandiero affatto e anzi, all’occorrenza mi ci soffio il naso. Utilissimi quindi. Il Ministro dell’Istruzione dell’attuale Governo (febbraio 2017, vedete voi quale) pare abbia per certo la Licenza Media: io non di meno, con voto eccellente, dovrei essere a posto. Ma questo giusto a margine.

Certo, ho provato a proporre questo interessante progetto sulle Rime Petrose alle alte sfere (…diciamo appena al di fuori dei Circoli Arci); ma essendo che alla fin fine non mi manda nessun Picone, ci sarà da aspettare. Ma questo giusto a margine.

Pace, tempo ne ho (credo) e prima o poi conto di farcela; e anche questa storia (forse) a qualcuno riuscirò a raccontarla. Giusto a margine.

Annunci

5 thoughts on “L’Amaro Succi.”

  1. Mi piacerebbe tantissimo poter assistere a una tua sessione di lettura.
    Spero ce la fai a incastrare qualcosa nel centro Italia… purtroppo le mie conoscenze non sono sufficienti a fornirti occasioni, ma la voglia di assorbire è tanta.
    A presto Giov

    1. Ciao Fernando, lo spero anch’io, grazie per la tua attenzione al mio lavoro. Sono passato per il centro Italia lo scorso novembre… Resta connesso e cogliamo quelle poche occasioni al volo 😉 A presto!

Se vuoi lasciare un commento.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...